5 per mille

Il tuo 5 per mille a SMIRG

A te non costa nulla, per i nostri progetti è un aiuto importante

Con la prossima dichiarazione dei redditi hai la possibilità di destinare a una ONLUS una quota pari al 5 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, senza nessuna spesa in più per te.

Puoi così decidere di dare un contributo importante per lo sviluppo e la diffusione della conoscenza nei settori dell'assistenza socio-sanitaria, istruzione e formazione e ricerca scientifica, nonchè per lo svolgimento di attività di tutela e valorizzazione della natura e dell'ambiente, in particolare:

  • diagnostica per immagini (radiologia tradizionale e digitale, ecotomografia, T.C., risonanza magnetica)
  • ricerca nella diagnostica per immagini non invasiva ed in particolare mediante l'impiego della ecotomografia con mezzo di contrasto nella diagnosi precoce dei tumori del fegato nei pazienti epatopatici cronici e nei pazienti oncologici
  • ricerca biomedica in campo sanitario e ambientale
  • ricerca scientifica anche applicata alla clinica e all’assistenza
  • telemedicina e della teleradiologia (trasferimento ed interpretazione di immagini a distanza)
  • istruzione, formazione e aggiornamento attraverso la creazione di corsi, masters e altri eventi formativi che contemplino, ove sia necessario, anche la formazione a distanza
  • creazione e gestione di siti web di interesse scientifico
  • promozione di associazioni professionali
  • creazione di relazioni internazionali con soggetti giuridici aventi finalità analoghe
  • affermazione di una cultura plurilingue attraverso l'interscambio tra culture e lingue differenti con particolare attenzione alla tutela e allo sviluppo di lingue minoritarie

Se vuoi scegliere SMIRG - ONLUS - NO PROFIT FOUNDATION (www.smirg.org), negli spazi dedicati alla scelta del 5 per mille, metti la tua firma nel primo riquadro (sostegno volontariato e non profit) e indica il nostro codice fiscale: 02 17 59 40 903.

Vuoi ricordartene? Stampa il promemoria

Esempi di compilazione dichiarazioni (click per ingrandire)
MODELLO 730-1 Redditi pagina 3
Esempio compilazione MODELLO 730-1 Redditi 2007 pagina 3
MODELLO UNICO PERSONE FISICHE pagina 2
Esempio compilazione MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 2006 pagina 2
CUD pagina 3
Esempio compilazione CUD 2008 pagina 3

 

PER SAPERNE DI PIÙ SUL 5 PER MILLE
di Benedetta Verrini (tratto da "Vita" del 27/1/2006)

Il 5 per mille diventa realtà. Già dalla prossima denuncia dei redditi (maggio 2006), gli italiani potranno scegliere di devolvere questa percentuale dell'imposta alle organizzazioni non profit.

Ma come funzionerà il 5 per mille?
«La filosofia sposata dal ministero è quella di lasciare al cittadino la più totale libertà nella devoluzione», spiega Luca Antonini, ordinario di Diritto Costituzionale all'Università di Padova. «È passato il criterio, insomma, che ciascuno di noi è perfettamente in grado di scegliere l'organizzazione o la realtà che gli dà maggiore fiducia, valutandone l'efficienza e la serietà».

Ciò si traduce, in fase di compilazione della denuncia dei redditi, nella possibilità di indicare direttamente il codice fiscale dell'ente che si intende sostenere con il 5 per mille. «In dichiarazione ci sarà una doppia casella», chiarisce il professore. «La prima in cui indicare la categoria preferita ( la Finanziaria ne indica quattro: onlus e non profit; ricerca scientifica e università; ricerca sanitaria; attività sociali svolte dal Comune di residenza, ndr), la seconda dove si daranno i riferimenti del soggetto specifico prescelto».

La platea dei destinatari
La macro-categoria del non profit elenca il volontariato e le altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale (onlus) di cui all'art. 10 della legge 460, «nonché le associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionali, regionali e provinciali» previsti dall'art. 7 comma 1, 2, 3 e 4, della legge 383, e le associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all'art. 10, comma 1, lettera "a", sempre della 460.

(.) Ma quanto il 5 per mille "costerà", in termini di mancato gettito, allo Stato? «È stato calcolato che se il 41% degli italiani esprimerà questa opzione, saranno devoluti circa 270 milioni di euro. Chiaramente non si tratta di una perdita, ma di un investimento dello Stato su settori assolutamente strategici».

Il meccanismo è stato totalmente deburocratizzato: prima di incassare i soldi, l'ente dovrà presentare un'autocertificazione che comprova il possesso dei requisiti (onlus, promozione sociale ecc.) previsti dalla legge. «Questo sistema responsabilizza tutti», prosegue Antonini. «Il cittadino, cui è demandata la scelta, e anche l'ente destinatario, che deve rispettare gli impegni dichiarati. I contenuti dell'autocertificazione, peraltro, hanno rilevanza penale».

Dal prossimo mese di maggio, insomma, comincia la svolta verso una piena sussidiarietà, nel sistema del welfare italiano. Peccato, soltanto, che questa piccola grande rivoluzione sia "sperimentale" e relativa, come dice la Finanziaria, al solo 2006. «Vero», replica Antonini, «ma non dimentichiamo che se funzionerà bene, e se coglierà, come credo, una forte mobilitazione da parte degli enti destinatari, sia onlus che non onlus, che hanno tutto l'interesse a migliorarsi e a essere prescelti, sarà molto, molto difficile toglierla».